Romagna Mia su facebook

A cura di Casadei Sonora, aperta la pagina ufficiale di “Romagna mia” scritta da Secondo Casadei 1954.

Ancora oggi è una delle canzoni più ballate e cantate dagli italiani: non può non piacerti, clicca “mi piace” a questo indirizzo!

https://www.facebook.com/romagnamiaofficial

RadioEmiliaRomagna – MagazziniSonori dedica una pagina al maestro Secondo Casadei

Logo Magazzini Sonori

La radio online della Regione Emilia-Romagna, RadioEmiliaRomagna–MagazziniSonori, ha pubblicato della nuova sezione “Magazzini – I Maestri” una pagina dedicata al maestro Secondo Casadei che contiene una selezione di brani storici (versioni restaurate eseguite da lui e la sua orchestra nell’arco di tempo dagli anni ’30 agli anni ’60) tutti ascoltabili in streaming e scaricabili. Leggi tutto “RadioEmiliaRomagna – MagazziniSonori dedica una pagina al maestro Secondo Casadei”

Fondo Casadei Sonora

logo casadei sonora

Il Comune di Savignano sul Rubicone e la Casadei Sonora – che raccoglie e custodisce il prezioso patrimonio artistico del M° Secondo Casadei – hanno sottoscritto nel 2009 un accordo finalizzato a operare un organico ordinamento del materiale in disponibilità del Fondo Casadei Sonora, contribuendo così anche ad una valorizzazione dell’intera opera.

Questa sezione comprende la digitalizzazione di parte dei 45 giri realizzati dall'Orchestra di Secondo Casadei.

Questa sezione comprende la digitalizzazione dei 78 giri realizzati dall'Orchestra di Secondo Casadei nel periodo fra l'inizio degli anni '30 e la fine degli anni '50; di ogni disco è stato acquisito l'audio (i relativi file sono file disponibili per la consultazione presso la sede del Liscio@museuM) ed è stata scansionata l'etichetta, disponibile anche on-line in bassa risoluzione, contenente tutte le informazioni relative (edizioni musicali, interpreti, data di registrazione, ecc.).

Questa sezione comprende la digitalizzazione del fondo denominato "Canzonieri" composto da 4 raccoglitori per un totale di 41 documenti fra libretti, pieghevoli e volantini pubblicitari riportanti testi della canzoni di maggior successo dell'Orchestra Casadei dalle origini fino alla fine degli anni '60.

Questa sezione comprende la la digitalizzazione del fondo denominato “Orchestre che non suonano più” composta da 4 raccoglitori per un totale di 670 documenti fra fotografie, programmi mensili, locandine e altri strumenti promozionali relativi all'attività delle orchestre in costante contatto con la Casadei Sonora fino ai primi anni '90.

Questa sezione comprende la la digitalizzazione del fondo denominato “Orchestre che non suonano più” composta da 4 raccoglitori per un totale di 670 documenti fra fotografie, programmi mensili, locandine e altri strumenti promozionali relativi all'attività delle orchestre in costante contatto con la Casadei Sonora fino ai primi anni '90.

Questa sezione comprende la la digitalizzazione del fondo denominato “Programmi” composta da 4 raccoglitori per un totale di 441 documenti fra programmi mensili e altri strumenti promozionali relativi all'attività dell'Orchestra Casadei dalle origini agli anni '80.

Questa sezione comprende la digitalizzazione del fondo denominato "Volantini" composto da 5 raccoglitori per un totale di 265 documenti fra programmi di sala, depliant e volantini pubblicitari, cartoline promozionali, inviti ecc. relative all'attività dell'Orchestra Casadei dalle origini agli anni '80.

Mauro Malaguti


Nell’intervista, Mauro Malaguti traccia la storia del liscio suonato e ballato a Bologna e nella provincia, detto “alla Filuzzi”. Delinea le caratteristiche musicali e coreutiche, le peculiarità (p. es. la “polca chinata” eseguita da una coppia di ballerini maschi), le differenze rispetto al liscio “romagnolo”, ricorda i principali musicisti e le orchestre che hanno dato impulso al genere, l’evolversi del genere parallelamente allo sviluppo della città di Bologna, i locali e le occasioni di ballo, il “sistema” legato alla “Filuzzi”, ecc.
Intervista effettuata a Bologna il 20 novembre 2009 da Paola Sobrero, Andrea Samaritani e Giuseppe Pazzaglia, presso gli studi dell’emittente radiofonica Radiosanluchino, specializzata in programmi di musica liscio e “Filuzzi”.
Durata complessiva: 60 minuti circa.